Fatto in casa: Come realizzare un orto sul balcone o il terrazzo
Ricette per l'autoproduzione casalinga. Fai da te cosmetica, prodotti per la pulizia, e oggetti d'arredo. Rimedi naturali per la salute. Tanti consigli pratici per il risparmio. Questo è Fareacasa.it
Fatto in casa

Idee tecniche e consigli per risparmiare nella vita quotidiana.

Come realizzare un orto sul balcone o il terrazzo


Orto sul balcone: un'idea green e 100% bio

Hai un balcone, o ancora meglio un terrazzo? Allestisci un orto bio! Un orto sul balcone da la possibilità di coltivare ortaggi e verdure totalmente naturali e privi di pesticidi. E vuoi mettere la soddisfazione di portare a tavola prodotti coltivati da te? Davvero impagabile!
Immagina quanto potrà essere bello uscire sul tuo terrazzo e cogliere un bel pomodoro maturo da consumare subito a tavola.
Se non ti sei mai cimentato nella coltivazione casalinga in vaso potrai pensare che sia difficoltoso ottenere un buon risultato. Ma non devi preoccuparti, coltivare in vaso è molto più semplice che in campo aperto in un orto vero e proprio. Basta seguire poche semplici regole per avere un fantastico e produttivo orto in vaso sul tuo balcone!



Naturalmente dovrai tenere in considerazione lo spazio che avrai a disposizione sul tuo balcone o terrazzo. Creare un orto non dovrà comunque precludere la possibilità di muoverti e vivere in questo spazio esterno della tua casa. Quindi non esagerare con i vasi, o ti ritroverai bloccato in casa senza la possibilità di uscire. Sembra banale, ma a volte la troppa foga di produrre da se questo e l'altro mondo porta i meno esperti a riempire il balcone di ogni sorta di vaso.
Le verdure e gli ortaggi da coltivare nel tuo orto bio sul balcone devono avere le radici corte in modo da aver bisogno di poco spazio e vasi non molto grandi.
Sfruttando bene lo spazio a disposizione potrai coltivare diverse varietà di verdura e ortaggi, più di quanto puoi pensare. Esistono anche pensili appositi e diverse soluzioni per ottimizzare lo spazio, ma questo aspetto lo analizzeremo in seguito.


L'esposizione è importante

Un'aspetto fondamentale per la buona riuscita dell'orto in balcone è l'esposizione di quest'ultimo. Se è baciato dal sole per gran parte della giornata all'ora sei davanti la condizione ideale e puoi piantare di tutto. Se invece il tuo balcone è a mezz'ombra dovrai accontentarti di coltivare lattughe, cicoria, prezzemolo, spinaci, sedano, ravanelli, cipollotti, valeriana, cavoli, bietola, aglio, menta, basilico, erba cipollina, fragole, aromatiche come melissa. Che comunque non è certo poca cosa.


Quando trapiantare?

Ho usato la parola "trapiantare" perchè si utilizza questa tecnica per l'orto in balcone. Forse fino adesso avrai pensato che creare un orto richiedesse la semina... E invece no. Trapiantare piantine già sufficientemente cresciute accelera i tempi di coltivazione e aumenta notevolmente la possibilità di sopravvivenza della piantina in quanto già provvista di radici.
Puoi  mettere a dimora tutte le specie da foglia, la cipolla, l'aglio, le patate, e i legumi già prima della primavera. se il tuo terrazzo è riparato ed è anche esposto a sud, già da metà-fine marzo puoi trapiantare i pomodori, e da metà aprile puoi continuare con peperoni, melanzane, zucchine, cetrioli, ecc. Anche la zona in cui vivi è importante. Se è di alta collina e quindi le temperature faticano a salire durante il giorno è meglio se aspetti un mesetto prima di trapiantare.



Ad ogni pianta il suo vaso

Ogni pianta ha un suo sviluppo ecco perchè è bene prevederlo quando si sceglie il vaso da utilizzare che dovrà essere proporzionale alla pianta che andrà ad ospitare.
Zucchine, meloni, angurie, hanno bisogno di contenitori capienti che permettano di far stendere bene queste piante che non si sviluppano in altezza ma in maniera orizzontale al terreno. Il contenitore giusto ha almeno 50-60 cm di diametro e 40-50 cm di altezza. Tieni presente però che meloni e angurie si sviluppano molto quindi non sono indicati per balconi o terrazzi non molto ampi. Rischieresti di avere una produzione insoddisfacente nonostante una gran parte del tuo balcone dedicata a loro a discapito di coltivazioni più idonee.
Pomodori, peperoni, melanzane, patate, cetrioli, cavoli, vanno bene in contenitori di 40-50 cm x 30-40 cm. Lattughe, cicorie, bietole, sedani, finocchi, cipolle, agli, basilico, prezzemolo, rucola, aromatiche, ecc, si accontenteranno di 20-30 cm x 15-20 cm di altezza.

Ecco alcuni esempi di vasi idonei a questo scopo:

 


L'importanza del drenaggio

Erroneamente il drenaggio non viene preso in considerazione da chi alle prime esperienze di orto in balcone. Il drenaggio è fondamentale per garantire il deflusso dell'acqua. Senza un corretto drenaggio l'acqua in eccesso (abbondante innaffiatura o pioggia) rischia di rimanere stagnante all'interno del vaso e questo porta a marcire le radici della pianta e la sua morte. Prima di mettere il terriccio all'interno del vaso va steso sul fondo uno strato di 1-3 cm di cocci, ghiaia o argilla espansa.

Ecco come si presenta all'acquisto l'argilla espansa:

   


Il terriccio deve essere di qualità

Il terriccio è l'elemento determinante per un orto sul balcone di successo. Ecco perchè non bisogna adoperare il terriccio magari trovato al supermercato a basso costo. Anche se all'acquisto spenderai di più sarai ricompensato da una produzione molto più ricca. Puoi scegliere indifferentemente  tra terricci tradizionali già fertilizzati o terricci Bio già concimati.
Quando metti il terriccio nei vasi non riempire fino all'orlo, ma tieniti qualche centimetro sotto. Ricorda che dopo le prima annaffiature, il terriccio bagnato diventerà più pesante e tenderà a compattarsi e ad abbassarsi un pò.

Alcuni terricci idonei all'orto in vaso:


     



Le distanze da rispettare

Per uno sviluppo ottimale ogni tipo di pianta ha bisogno di un suo "spazio vitale".
Le zucchine devono avere almeno 70 cm tra pianta e pianta.
Pomodori, peperoni, melanzane, cetrioli, cavoli 40 cm. Negli spazi tra le piantine puoi coltivare piante a contenute dimensioni e ciclo rapido come  lattughe, ravanelli, rucola, valeriana, cipollotti, basilico ecc.
Cicorie 35 cm.
Lattughe, bietola, sedani, finocchi 25 cm.
Cipolle, porri, agli, rucola 10 cm.
Carote, ravanelli, prezzemoli 3 cm.
I lattughini da taglio non necessitano di spazio tra le piantine e, come detto in precedenza, essendo piante a foglia non hanno bisogno di una grande luminosità.


Il corretto trapianto

Riempi  i contenitori con il terriccio (ricorda, non completamente) già concimato. Prima di estrarre le piantine dai vasetti effettua una leggera irrigatura in modo da ammorbidire le radici. Fai attenzione a quando estrai, non danneggiare il pane di terra con le radici, ma estrai in modo che tutto resti compatto.
Posizionale in modo che la superficie superiore del pane di terra risulti 2-3 cm più basso del bordo del vaso (ecco perchè non riempire di terriccio fino all'orlo).
Riempi con altro terriccio fino a pareggiare il pane di terra con le radici e stringi bene il terriccio intorno ad esso. Non ti resta che irrigare leggermente con 1- 2 bicchieri di acqua.



Come irrigare

Ad inizio primavera, dopo il trapianto irriga solo quando il terriccio non sarà asciugato dalla precedente irrigazione. Deve essere di colore chiaro a dimostrare l'avvenuta asciugatura. Non esagerare con l'acqua. Tanta acqua non vuol dire sviluppo migliore, ma anzi può essere nociva. Ogni pianta ha il suo specifico bisogno di acqua.
Solo quando la pianta sarà cresciuta e il clima sarà più caldo, dovrai aumentare quantità e frequenza di irrigatura.
Le irrigazioni diventeranno quotidiane da fine giugno, soprattutto se le piante sono esposte al sole per gran parte del giorno. Se sono a mezz'ombra, invece, non devi eccedere e devi effettuare irrigature più contenute.
Non bagnare le foglie quando fai questa operazione e evita le ore più calde, meglio il mattino presto o al tramonto, soprattutto nella stagione estiva.


Soluzioni salvaspazio

Anche se il tuo balcone non offre una grande metratura non per questo dovrai rinunciare a produrre in buona quantità. In commercio esistono soluzioni pensate appositamente per ottimizzare gli spazi. Ogni centimetro utile sarà utilizzato in modo tale di soddisfare ogni tua esigenza e voglia di produzione.
Un orto in balcone rigoglioso ti consentirà di consumare frutta e ortaggi assolutamente bio e sarai certo di non mangiare prodotti con pesticidi. Il tuo balcone sarà vivo e colorato, un vero piacere per la vista.

Alcune soluzioni salvaspazio per il balcone:

   

Se l'articolo ti è piaciuto mi fai un regalo? Condividilo con i tuoi amici!


Vuoi conoscere le nuove guide prima degli altri? Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre aggiornato!
* Campo obbligatorio

** Iscrivendoti a fareacasa.it dai il consenso a ricevere periodicamente sulla tua casella email i nostri articoli 

Nessun commento:

Posta un commento