Fatto in casa: Come curare la Stella di Natale e farla vivere a lungo
Ricette per l'autoproduzione casalinga. Fai da te cosmetica, prodotti per la pulizia, e oggetti d'arredo. Rimedi naturali per la salute. Tanti consigli pratici per il risparmio. Questo è Fareacasa.it
Fatto in casa

Idee tecniche e consigli per risparmiare nella vita quotidiana.

Come curare la Stella di Natale e farla vivere a lungo

La Stella di Natale è la pianta simbolo della festa più importante dell'anno

A Natale si assiste ad una vera e propria invasione di queste piante che sono diventate un vero simbolo del Natale. E' una pianta dalle larghe foglie rosse, davvero bella e apprezzata, e che per il suo costo tutto sommato accessibile rappresenta anche un diffuso regalo per parenti e amici.
Ma molto spesso, passate le feste questa pianta viene letteralmente lasciata morire, quasi fosse a scadenza, quasi racchiudesse nel nome il suo destino.Eppure bastano davvero pochi e semplici accorgimenti per garantire alle stelle di Natale una lunga vita. Non è difficile infatti riuscire ad arrivare al Natale successivo con la pianta in ottima salute ed ancora più bella e rigogliosa.
Con questa guida vogliamo dare dei semplici consigli per curare la stella di Natale in modo efficace e garantirgli lunga e rigogliosa vita. Andiamo a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sulla stella di Natale per curarla con amore.


Il suo nome botanico è Euphorbia pulcherrima, ma è conosciuta anche con il nome di Poinsettia.
Le stelle di Natale che conosciamo crescono in vasi che ne limitano la crescita e lo sviluppo, mentre in natura queste piante sono dei grandi arbusti, addirittura dei veri e propri piccoli alberi che superano tranquillamente i 3 metri di altezza. Mentre in vaso riescono a raggiungere al massimo 1 metro di altezza.
Basta questo dato per far comprendere che si tratta di una pianta longeva, ed il fatto di lasciarla morire dopo le feste è solo una cattiva e sbagliata abitudine o convinzione.
Il suo habitat naturale è un clima mite, senza sbalzi termici e con minime notturne abbastanza alte. Vivono bene in collina a temperature non inferiori ai 12-15 °C. Queste sono caratteristiche che facilmente si riscontrano nei nostri appartamenti, ecco perchè la stella di Natale è un'ottima pianta da coltivare in appartamento.



Durante la stagione invernale, quindi proprio quella in cui le case vengono invase da queste piante ricevute in dono, prediligono temperature notturne più basse, quindi è consigliabile tenerle in stanze poco riscaldate o comunque lontano da fonti di calore dirette. E per evitare sbalzi termici dannosi, evitare di posizionarle vicino a porte e finestre.

Una volta trovato l'angolo di casa giusto per la pianta, è bene non spostarla più, e limitarsi semplicemente a rigirarla ogni tanto per garantirgli una esposizione alla luce omogenea.

Non bisogna esporla ai raggi solari diretti,  e prediligere punti senza luce diretta, magari filtrata da una tenda.

Il terreno nel vaso in cui si coltiva la stella di Natale può essere un comune terriccio universale, acquistabile un pò ovunque, mischiato ad un pò di sabbia o palline di argilla espansa in modo da premettere un buon drenaggio dell'acqua senza ristagni, evitando così la comparsa di malattie fungine poi antipatiche da debellare.

Altri utili consigli per un perfetto pollice verde:


L'annaffiatura non deve essere abbondante, ma bisogna annaffiarla solo quando il terreno è asciutto. Nelle stagioni più calde l'annaffiatura potrebbe essere anche quotidiana. Un piccolo trucco per aumentare l'umidità intorno alla pianta si può riempire di argilla espansa sempre bagnata il sottovaso, in modo che la pianta benefici dell'evaporazione dell'acqua.

Quando le brattee rosse, che non sono da considerare come fiori ma come foglie si altro colore, bisogna recidere gli teli fino a 10 cm dalla base. Questo taglio permetterà la fuoriuscita di una sorta di lattice. Il taglio va fatto con una lama tagliente come ad esempio una lametta da barba in modo da seguire un taglio netto e preciso senza il rischio di schiacciare e rovinare lo stelo.

Nel caso in cui malauguratamente si dovesse recidere in malo modo lo stelo della stella di Natale bisogna intervenire cospargendo il taglio con polvere di carbone del caminetto, ma anche la semplice cenere di sigarette può andar bene allo scopo, o in alternativa si può bagnare con acqua calda. Durante queste operazioni di "pronto soccorso" bisogna fare attenzione a non toccare il lattice in quanto può avere un fastidioso effetto urticante.

E' preferibile bagnare solo il terreno senza bagnare le foglie. Perchè anche se è vero che le foglie delle stelle di Natale non temono l'acqua, si rischia comunque di macchiarle soprattutto in caso di acqua particolarmente calcarea.

La fertilizzazione della stella di Natale deve essere a cadenza quindicinale durante tutto l'anno senza differenziazione di stagione, sospendendola soltanto durante la fioritura.

Seguendo questi pochi e semplici consigli, la stella di Natale vivrà rigogliosa a lungo, e vivrà talmente tanto che ci sarà necessità di rinvasarla ogni 2-3 anni. Il periodo di rinvaso si può riconoscere anche ad occhio nudo in quanto le radici tenderanno a fuoriuscire dai fori di scolo del vaso. Questo fa comprendere che è giunto il momento di dare alla pianta un vaso più grande e comodo.

Altri utili consigli per un perfetto pollice verde:


Ricordarsi dell'importanza del luogo giusto in cui tenere la stella di Natale. In estate può vivere anche in terrazzo purchè sia un angolo semi ombreggiato; mentre con l'arrivo dell'autunno dovrà essere spostata all'interno in una stanza poco riscaldata come spiegato in precedenza.

Una pianta più colorata e fiorita si può ottenere facendo in modo di garantire almeno 12 ore di buio in quanto la stella di Natale fiorisce nel periodo in cui le giornate sono più brevi e per questo bisogna simulare questa condizione. Il buio deve essere assoluto, quindi bisogna evitare anche l'esposizione prolungata alla luce artificiale. Una soluzione pratica, che non sconvolga le abitudini della famiglia, è quello di coprire la pianta con carta scura dalle 16 del pomeriggio alle 8 della mattina successiva. Basta una settimana ininterrotta di questa operazione per avere lo sviluppo dei fiori della stella di Natale. A questo punto, come spiegato prima, bisogna sospendere la fertilizzazione e lasciare la pianta libera da coperture e protezioni.

Basta seguire queste semplici operazioni per avere stelle di Natale rigogliose che dureranno anni, e non vivranno il solo tempo di un Natale.

Per saperne di più:
Il mio orto biologico 
Orto. Manuale pratico. Dalla semina alla raccolta, con il calendario lunare e le ricette della buona terra 
Antiparassitari naturali per l'orto, il frutteto, il giardino 
Il maxi libro del giardino. Come progettare, organizzare, suddividere, impiantare e curare il tuo giardino

Se l'articolo ti è piaciuto mi fai un regalo? Condividilo con i tuoi amici!


Vuoi conoscere le nuove guide prima degli altri? Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre aggiornato!

* Campo obbligatorio

** Iscrivendoti a fareacasa.it dai il consenso a ricevere periodicamente sulla tua casella email i nostri articoli 

Nessun commento:

Posta un commento