Fatto in casa: Nuvole di drago cinesi fatte in casa
Ricette per l'autoproduzione casalinga. Fai da te cosmetica, prodotti per la pulizia, e oggetti d'arredo. Rimedi naturali per la salute. Tanti consigli pratici per il risparmio. Questo è Fareacasa.it
Fatto in casa

Idee tecniche e consigli per risparmiare nella vita quotidiana.

Nuvole di drago cinesi fatte in casa

Le nuvole di drago sono un antipasto tipico asiatico

Chiunque sia entrato almeno una volta in vita sua in un ristorante cinese conosce le famose nuvole di drago che vengono servite solitamente all'inizio della cena, o pranzo, senza averle chieste. Un pò come si fa con il pane nei nostri ristoranti. Infatti le nuvole di drago sono un antipasto tipico cinese o sudest asiatico in generale, utilizzate anche come contorno o durante un aperitivo.
Sono sfogliatine al sapore di gambero, leggerissime e croccanti, davvero irresistibili se accompagnate alla salsa di soia. Oggi impareremo come si preparano le nuvole di drago fatte in casa. Bisogna dire che la preparazione, a dispetto degli ingredienti semplici, non è proprio veloce e bisogna avere molta pazienza. Ma vale la pena provare no?

Ingredienti necessari:

- 600 grammi di gamberetti sgusciati. Nel caso si tratti di gamberetti da sgusciare fare attenzione ad eliminare anche il filetto nero.Vanno bene anche quelli surgelati purche prima di usarli siano stati decongelati
- 600 grammi di fecola di tapioca
- 1 cucchiaio raso di sale fino 1
- 1 cucchiaino raso di pepe bianco in polvere
- 1/2 cucchiaio di glutammato monosodico
- per la frittura usare olio di arachide

N.B. Se si ha difficoltà a reperire la fecola di tapioca ed il glutammato nei normali supermercati non troppo forniti, si possono trovare nei negozi specializzati in cibo cinese, o cibo internazionale in genere. Oppure è possibile acquistarli in siti online dedicati a questo tipo di cucina.

Procedimento:
- ridurre i gamberi in purea utilizzando un mixer
- versare la purea ottenuta all'interno di una impastatrice, se se ne possiede una, altrimenti all'interno di una capiente ciotola unendo la tapioca, il glutammato, il sale ed il pepe bianco ed impastare bene. All'inizio l'impasto può sembrare di difficile lavorazione, ma dopo un pò diventerà più morbido e lavorabile. Nel caso si notasse che gli ingredienti non legano bisogna aggiungere un 1/2 cucchiaio, mentre se diventa eccessivamente molle aggiungere un pò di fecola di tapioca

Altri famosi piatti cinesi da preparare in casa:
- aggiustare di glutammato sale e pepe in base al proprio gusto ricordandosi che alla fine della cottura il senso di sapidità sarà minore a quello di questa fase, perciò tenere conto di questo aspetto
- una volta che l'impasto sarà pronto metterlo su un piano di lavoro e impastare ancora con le mani per almeno 10 minuti in modo da ottenere un bell'impasto compatto  e liscio, purchè non sia eccessivamente duro per non compromettere la cottura
- dividere l’impasto in due parti dando ad ognuna la forma di un salsicciotto facendo il possibile per non lasciare sacche d'aria al loro interno
- a questo punto bisogna cuocere l'impasto di nuvole di drago al vapore. Per fare questo si può utilizzare un tipico cestino di bambù cinese all'interno di una wok coperta cuocendo a fuoco medio per circa 75 minuti, oppure usare la classica pentola a pressione. In questo caso bisogna aggiungere due dita d'acqua sul fondo dell pentola, adagiare sul fondo degli spessori su cui appoggiare un piatto che conterrà i salsicciotti. Il piatto in questione non dovrà essere a contatto con l'acqua, ecco perchè l'importanza di spessori giusti. Per la cottura bisogna calcolare mezz'ora dopo il fischio della pentola.
- a cottura ultimata bisogna far raffreddare i salsicciotti avvolgendoli con la pellicola e mettendoli in frigorifero per 12 ore (a questo punto comincerete a pensare: accidenti, sembravano così banali le nuvolette di drago che non mi sarei aspetto una procedura così lunga)
- trascorso questo tempo toglierli dal frigorifero e lasciarli a temperatura ambiente per 30 minuti
- ora non resta che affettarli in modo molto sottile con un coltello affilato o una mandolina. Se poi si ha a disposizione una affettatrice il risultato sarà sicuramente più preciso
- fare essiccare le fettine ottenute su vassoi di metallo per...2 giorni! (l'esclamazione sarà: ehhhhh????!!!! - e la risposta: già!). L'essiccazione andrebbe fatta al sole caldo, ma se si dispone di una essiccatrice domestica ben venga il suo utilizzo
- ohhhhhhhhh...finalmente è ora di friggere! L'importante è che sia in caso di tegame che di friggitrice il livello dell'olio sia ben alto. L'utilizzo di un cestello è consigliato per estrarre le nuvole di drago dall'olio al momento giusto senza rischiare di perdere tempo con schiumarole e quant'altro facendole diventare scure
- friggendo poche nuvole per volta si avrà una frittura migliore e si gonfieranno meglio, come per magia
- Per una buona riuscita friggete poche nuvole alla volta
- appena tolte dall'olio adagiarle su carta assorbente in modo da perdere l'olio in eccesso
- la croccantezza tipica delle nuvole di drago dura un paio di ore, ragion per cui vien da se capire che bisogna consumarle subito. Anche perchè dopo tanta fatica non si vede un solo motivo valido per attendere ancora!
- anche se...anche se...riponendo le nuvole di drago fatte in casa in un contenitore a chiusura ermetica possono essere conservate anche un paio di giorni

Per saperne di più ed approfondire:
Cina. 100 ricette facili da realizzare a casa propria 
Cucinare cinese 
Nuova cucina cinese 
Sapori dal mondo. Le specialità della cucina araba, cinese, indiana, tex mex

Se l'articolo ti è piaciuto mi fai un regalo? Condividilo con i tuoi amici!


Vuoi conoscere le nuove ricette prima degli altri? Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre aggiornato!

* Campo obbligatorio

** Iscrivendoti a fareacasa.it dai il consenso a ricevere periodicamente sulla tua casella email i nostri articoli 

Nessun commento:

Posta un commento