Fatto in casa: Il modo corretto per tagliare le unghie al gatto
Ricette per l'autoproduzione casalinga. Fai da te cosmetica, prodotti per la pulizia, e oggetti d'arredo. Rimedi naturali per la salute. Tanti consigli pratici per il risparmio. Questo è Fareacasa.it
Fatto in casa

Idee tecniche e consigli per risparmiare nella vita quotidiana.

Il modo corretto per tagliare le unghie al gatto

Come tagliare al meglio le unghie del gatto
Il gatto è per natura un predatore, e le armi che la natura glia ha dato a questo scopo sono le unghie. Chiunque possiede un gatto in casa sa bene quali siano le problematiche che ruotano intorno al bisogno innato del gatto di affilarsi le unghie. I mobili in legno sono presi di mira dal micio quando sente l'esigenza di limare i suoi artigli. Per ovviare a questo problema esistono dei correttivi comportamentali del gatto come ad esempio il tiragraffi. Ma spesso, soprattutto quando si tratta di gatto domestico che vive prevalentemente in casa, il tiragraffi risulta essere insufficiente e quindi si è costretti a ricorrere ad un taglio delle unghie del gatto. Naturalmente questa pratica non deve essere effettuata a puro scopo estetico dell'amato micio, ma per venire incontro alle sue esigenze quando non è in grado di soddisfarle da solo. Con questo articolo vogliamo appunto imparare come, e soprattutto quando tagliare le unghie al gatto, nel modo migliore possibile.
Va precisato che in questi casi è sempre bene rivolgersi ad un veterinario esperto  o ad un tolettatore professionista, che sicuramente faranno un lavoro ottimale. Per chi invece volesse occuparsi in prima persona di questa operazione, ecco gli strumenti necessari per tagliare le unghie del gatto:


Coperta: avvolgere il gatto in una calda coperta durante l'operazione di taglio unghie, lo farà sentire più protetto e quindi meno inquieto.






Tronchese per unghie animali: da utilizzare esclusivamente attrezzi specifici per le unghie animali. Forbici e pinzette varie per la cura dell'uomo sono da evitare assolutamente in quanto non corrispondono alla morfologia dell'unghia del gatto.








Garza e disinfettante: è sempre bene avere a portata di mano garza, disinfettante o anche semplice acqua ossigenata in caso di qualche ferita al gatto durante l'operazione. Anche se c'è da dire che l'eventualità di ferirlo è alquanto remota. Ma non si sa mai.









  Premio al gatto: croccantini e biscotti non devono assolutamente mancare in modo da darli al gatto se diventa irrequieto e per premiarlo a fine lavoro per la grande pazienza.






Potrebbe interessarti:

Procedimento:
Considerazioni preliminari: è necessaria una mano ferma, riflessi pronti per controllare ogni movimento impulsivo del gatto, essere preparati a ritrovarsi le mani piene di graffi, spuntare ed arrotondare le unghie solo di qualche millimetro e non di più senza esagerare ed eseguire tagli il più indolori possibili.

- Prendere in modo delicato la zampa del gatto tra le mani.
- Premere leggermente sul dorso della zampa in modo da rendere completamente visibili le unghie.
- Si faccia attenzione alla parte inferiore dell’unghia in modo da notare, circa a metà della lunghezza dell'unghia, una specie di pellicina. Bene, questa non dovrà mai essere toccata.
- Posizionare la tronchese per unghie a pochi millimetri dall'estremità dell'unghia.
- Eseguire un taglio veloce e deciso. E' bene non avere esitazioni per evitare che durante il momento di tentennamento il gatto possa muovere bruscamente la zampa con il risultato di fratturare l'unghia.
- Per finire  passare sulla punta dell'unghia uno strumento lievemente abrasivo, come può essere una normale lima in legno per unghie, in modo da rimuovere eventuali residui o correggere eventuali scanalature.

Per saperne di più:
La salute del cane 
Come nutrire il cane. Salute. Vitalità. Resistenza 
Come nutrire il gatto. Salute. Vitalità. Resistenza 
Amare, capire, educare il proprio gatto

Se l'articolo ti è piaciuto RESTA SEMPRE AGGIORNATO ISCRIVENDOTI ALLA NOSTRA NEWSLETTER CLICCANDO QUI

Nessun commento:

Posta un commento