Fatto in casa: Il caldo si combatte con pochi spiccioli e l'energia solare!
Ricette per l'autoproduzione casalinga. Fai da te cosmetica, prodotti per la pulizia, e oggetti d'arredo. Rimedi naturali per la salute. Tanti consigli pratici per il risparmio. Questo è Fareacasa.it
Fatto in casa

Idee tecniche e consigli per risparmiare nella vita quotidiana.

Il caldo si combatte con pochi spiccioli e l'energia solare!

Con l'arrivo della stagione estiva  l'aria condizionata in casa è una scelta obbligata per non boccheggiare. Sappiamo benissimo quanto questa pratica non sia proprio il massimo per la nostra salute e per quella dell'ambiente. Per questo, prendendo spunto da www.instructables.com abbiamo pensato di suggerirvi un'alternativa economica, fai-da-te e ecologicamente sensibile ai normali condizionatori presenti in commercio.
Con assoluta semplicità ed una spesa che non supererà i 10 euro potremo realizzare in casa un mini condizionatore fotovoltaico. Di sicuro un modo economico per alleviare il caldo opprimente. 

Passiamo a vedere cosa ci occorre per realizzare il mini condizionatore fotovoltaico fatto in casa:

 -  Circa una ventina di legnetti
 -  Una ventola di raffreddamento da computer
 -  Un pannello solare, batterie o altre fonti di alimentazione a bassa tensione
 -  Un panno assorbente
 -  Forbici
 -  Pistola e colla a caldo

Potrebbe interessarti: Pannello solare per acqua calda utilizzando bottiglie di plastica

Ed ora che abbiamo tutto impariamo  passo per passo a realizzare il mini condizionatore fotovoltaico:

Fase 1: La ventola di raffreddamento e i legnetti


Prima di iniziare, vi suggeriamo di chiedere a qualsiasi negozio di computer se è possibile regalarvi una ventola. Solitamente i magazzini sono pieni di vecchi accessori e smaltirli gratuitamente regalandoveli sarà sicuramente gradito da parte del negoziante.  Quindi, una volta trovata la ventola adeguata (più è grande è meglio sarà) non vi resta collegare sei legnetti - come da figura - alle estremità sulle quali poggerà la ventola.

Fase 2: "La vestizione"


Ora tagliate alcune strisce del vostro panno assorbente (un asciugamano o un telo da mare potranno essere l'ideale). Successivamente taglierete  ulteriori quattro delle stesse dimensioni della base. Incollate, quindi le strisce di panno tagliato  sui vari legnetti e una volta fatto non vi resterà che  collegare un altro bastoncino sul lato opposto incollandoci anche qui un pezzetto di panno.



 Fase 3: Ancora legnetti


Incollate insieme ancora altri legnetti e conficcateli come si era fatto nel primo passaggio.  Ora, come è mostrato nella figura, posizionate un altro legnetto che vada a ricoprire perfettamente l'ampiezza della base dell'altro lato.





 Potrebbe interessarti: Ecco come realizzare da te il biodiesel


Fase 4: La copertura


Adesso prendete i lembi di panno tagliati in precedenza della stessa ampiezza della base ed incollateli sui  sui lati. Ricordate: più panno c'è più l'aria sarà distribuita in modo ottimale.







Fase 5: Ci siamo, è fatto.


A questo punto non resta che bagnare il panno di acqua con un  cucchiaio  fino a quando non sarà completamente imbevuto. Collegare la ventola alla vostra alimentazione (pannello solare, batterie etc. etc.) e cominciare rinfrescare la casa. Praticamente l'evaporazione dell'acqua viene trasformata in aria condizionata, ciò è possibile per via del fatto che il calore fuoriuscito viene rigenerato in aria fredda dalla ventola.



Un dispositivo che non sarà il massimo per quanto riguarda il design, ma sarà funzionale ed estremamente economico, che di questi tempi non guasta mai.

Fonte: www.instructables.com - www.greenme.it

Per saperne di più:
Impianti di condizionamento speciali ad alta efficienza energetica 
Vivi con stile. Caloriferi e condizionatori, elettrodomestici, detersivi, tempo libero: 160 consigli pratici per una vita a basso impatto ambientale 
L'energia pulita 
Il futuro dell'energia. Guida alle fonti pulite per chi ha poco tempo per leggere

Se l'articolo ti è piaciuto RESTA SEMPRE AGGIORNATO ISCRIVENDOTI ALLA NOSTRA NEWSLETTER CLICCANDO QUI

Nessun commento:

Posta un commento